Skip to main content

Author: zam

11 ANNI DI ZAM

Qualche foto dal compleanno appena passato: 29/1/2022 – 30/1/2022

2011-2021. Compleanno ZAM

La nostra comunità politica festeggia il suo undicesimo compleanno e vi invita ad un weekend di approfondimenti, musica, beveraggi ed entusiasmo.
✊🏾Supporta le comunità resistenti!


Cosa è successo nei due giorni:

SABATO 29/1
👉🏾Dalle ore 16
>Polisportiva + Capoeira – dimostrazioni, musica e gioco
>Wellness Press – serigrafia benefit legale
Porta la tua t – shirt neutra!
> UNIT – hacklab: controinformaizone, resistenza nerd, riparazioni e videogiochi
👉🏾Dalle 18
Brigata Brighella – fiabe d’emergenza
👉🏾Dalle 20
Rap Caverna Posse live
Dj Set until 00.00

DOMENICA 30/01
👉🏾Dalle 18.30
Presentazione: “In campo nemico” la storia di SupportoLegale in un documentario
👉🏾Dalle 19.30
Aperitivo + drink
👉🏾Dalle 21
Proiezione del documentario “In campo nemico”

11 ANNI DI ZAM

Sabato 29/1 e Domenica 30/1: due giorni di eventi, dibattiti, proiezioni e socialità per festeggiare il compleanno di ZAM!

La nostra comunità politica festeggia il suo undicesimo compleanno e vi invita ad un weekend di approfondimenti, musica, beveraggi ed entusiasmo.

✊🏾Supporta le comunità resistenti!
📅Programma (in aggiornamento, rimani aggiornat* su: https://fb.me/e/4o1FqpBHE)

SABATO 29/1
👉🏾Dalle ore 16
>Polisportiva + Capoeira – dimostrazioni, musica e gioco
>Wellness Press – serigrafia benefit legale
Porta la tua t – shirt neutra!
>Unit hacklab – laboratorio
Aperitivo + drink
👉🏾Dalle 18
Brigata Brighella – fiabe d’emergenza
👉🏾Dalle 20
Rap Caverna Posse live
Dj Set until 00.00

DOMENICA 30/01
👉🏾Dalle 18.30
> Presentazione: “In campo nemico” la storia di SupportoLegale in un documentario (https://fb.me/e/54Src4gmq)
A cura di Supporto Legale
👉🏾Dalle 19.30
Aperitivo + drink
👉🏾Dalle 21
Proiezione del documentario “in campo nemico”


🦠Le attività si svolgeranno all’aperto sotto delle tensostrutture riscaldate.
Tutela te stess* e l’altr*, la salute di chi partecipa è responsabilità comune: mantieni la mascherina, se hai sintomi o hai avuto contatti con positivi stai a casa, lava spesso le mani. In questo modo, con le giuste accortezze, riusciremo a garantire la partecipazione e la sicurezza di tutt*

👉🏾30 gennaio dalle ore 18.30: incontro con SUPPORTO LEGALE👈🏾

dibattito + aperitivo + proiezione

20 anni di impegno politico processuale e solidale.
Potrebbe essere questo il sunto della storia di SupportoLegale, il collettivo che da sempre ha seguito i processi del G8 con le parole d’ordine di difendere tutti i manifestanti coinvolti negli strascichi giudiziari delle giornate del luglio 2001 con l’accusa pesantissima di devastazione e saccheggio.
⚖️Consulenti della difesa in tribunale, memoria collettiva in centinaia di appuntamenti di aggiornamento sui processi, autori e autrici di campagne di raccolta fondi e di comunicazione che hanno coinvolto artisti, musicisti, fumettisti e sodali di ogni provenienza; gli attivisti e le attiviste di SupportoLegale hanno deciso oggi di raccontarsi in un documentario che già dal titolo rende evidente lo sforzo di confrontarsi su un terreno, quello delle aule di tribunale, conflittuale e innaturale: “In campo nemico” appunto, per non lasciare indietro nessuno.📽Con la regia di Fabio Bianchini, la fotografia di Sabina Bologna e le musiche originali di Otolab il racconto si snoda attraverso le voci delle attiviste e degli attivisti, i materiali d’archivio, i disegni live di Zerocalcare, la testimonianza preziosa di Marina Cugnaschi, una delle condannate del processo per devastazione e saccheggio, le letture con la voce di Valerio Mastandrea componendo il quadro non scontato di una storia di azione e determinazione politica durata fino ad oggi.

💓Chi è supporto legale:
La memoria è un ingranaggio collettivo. La solidarietà un’arma. Nessun rimorso.SupportoLegale nasce come progetto nel 2004 per sostenere la difesa di tutti gli imputati dei processi genovesi ai manifestanti e per aiutare la segreteria legale del Genoa Legal Forum nella gestione dell’enorme mole di materiale documentale legata ai processi relativi ai fatti del luglio 2001 in occasione delle mobilitazioni contro il G8 di Genova.
✊🏾SupportoLegale è formato da persone di provenienze molto diverse (ma che hanno attraversato l’esperienza di Indymedia Italia insieme) accomunate dal rifiuto delle divisioni manichee tra buoni e cattivi che dominano il discorso post Genova. “Difendere tutti e tutte” e trasformare la solidarietà in azione politica per non lasciare indietro nessuno sono le pietre angolari del progetto.
📣Oltre a seguire i processi tecnicamente e a sostenere economicamente la segreteria legale con progetti di autofinanziamento e pubblicazioni, SupportoLegale si occupa di raccontare e informare su quanto avviene nelle aule e alle persone coinvolte. In occasione della chiusura del processo di primo grado contro i 25 manifestanti nel novembre 2007 SupportoLegale promuove una grande mobilitazione proprio a Genova “Uno, nessuno, trecentomila sovversivi” aperto dagli striscioni “La Storia Siamo Noi”.
📌Una nuova fase del progetto SupportoLegale si apre con la condanna in via definitiva di 10 persone per il reato di devastazione e saccheggio a una pena cumulata di circa 100 anni nel 2012. SupportoLegale decide di rimettersi in gioco per assicurare ai condannati del G8 sostegno e solidarietà. SupportoLegale promuove quindi iniziative di autofinanziamento, raccolta fondi e comunicazione per ricordare che “la memoria è un ingranaggio collettivo, così come la solidarietà”.A 20 anni dal G8 di Genova SupportoLegale chiude il cerchio lanciando l’operazione Rapsodia di una Rivolta per raccontare la propria storia e il proprio punto di vista: il documentario “In Campo Nemico”, l’antologia di fumetti “Nessun Rimorso. Genova 2001-2021”, la collaborazione alla realizzazione del numero 54 della rivista Zapruder dal titolo “La Zona Rossa”.
🔥“Ogni rivolta, ogni rivoluzione, ogni sovvertimento ha un prezzo, ma un prezzo che si paga insieme, come insieme si è lottato, si è vissuto e si è scoperta l’inebriante vertigine di essere liberi. E dalla parte del torto.”👉🏽info:
http://supportolegale.org/
https://www.facebook.com/SupportoLegale

ANTIFA FEST 4.0

Milano, 12/13 marzo 2022

Dopo le tappe di Roma, Bergamo e Genova, torniamo a discutere teorie e pratiche dell’antifascismo del XXI secolo!

Lo stato del mondo nella crisi perenne:

Le crisi, siano esse sociali, economiche, sanitarie o ambientali, sono ormai concatenate e continue, l’una prelude e prepara quella successiva: non si tratta più di contesti emergenziali delimitati, ma di un vero e proprio paradigma dell’emergenza diventato strutturale a questa organizzazione socioeconomica. Pertanto, non si parla più di crisi del capitalismo, ma di capitalismo della crisi.
La sindemia da Covid-19 non fa eccezione, iscrivendosi pienamente nel paradigma governativo che utilizza le crisi come terreno per la proliferazione e collaudo di strumenti di controllo e di assoggettamento della popolazione.
Questo spietato meccanismo utilizza la paura come leva per schiacciare la popolazione nell’ansia costante, generando insicurezza e diffidenza verso tutto ciò che è altro da sé. Si producono così soggettività predisposte ad una vita individuale del tutto atomizzata.
Col sempreverde ausilio degli organi di stampa, si alimentano pulsioni xenofobe e confusioni semantiche, la colpa della povertà e dell’emarginazione è dei poveri e non una responsabilità ben precisa del sistema capitalista.
La diffusione perpetua di paura e diffidenza genera un bisogno indotto di sicurezza, rendendo ogni forma di controllo tollerabile se non desiderabile.
Questa ennesima crisi, rispetto a quella economica del 2008, presenta un elemento di novità: l’ascesa delle destre sovraniste alla guida di significativi movimenti sociali, in tutte le loro declinazioni internazionali.
Infatti, nell’ultimo decennio, le varie organizzazioni neofasciste, con le loro istanze protezioniste e xenofobe, agitando il tema della sicurezza in chiave securitaria, hanno saputo proporre risposte false a problemi complessi e reali, alimentando una guerra fra ultimi anzichè una verticalizzazione del conflitto.

In tutto l’Occidente l’opzione fascista è diventata così concreta, diffusa e desiderabile.
La rinnovata popolarità e consenso di cui godono le forze di estrema destra in tutta Europa impatta inoltre in modo rilevante sulle dinamiche di genere, sulla vita delle donne, sulle maschilità non conformi, sulle soggettività lgbtq+.
Lo vediamo in atto in paesi come la Polonia, dove le forze sovraniste sono al governo, ma anche in paesi come l’Italia, dove la vita delle donne e delle persone lgbtq+ è colpita ogni giorno da diverse forme di violenza in nome di politiche familiste.
E’ innegabile il nesso tra queste ultime e le politiche migratorie attuali. Due decenni di campagne mediatiche, fondate sulla retorica “dell’invasione” e del “pericolo immigrati”, hanno permesso di giustificare leggi e azioni contro i migranti, coadiuvate da interventi più o meno conformi delle milizie identitarie delle formazioni neofasciste. Infatti, gli stati nazionali e l’Unione Europea hanno trasformato l’Europa in una fortezza, nominando i fascisti loro cavalieri di frontiera e facendo diventare il mediterraneo un cimitero di persone.

Il fascismo del III millennio, come anche quello storico, non rinuncia all’ideologia contro la contaminazione e il mescolamento delle cosiddette “razze”: sessimo e razzismo non sono un corollario del fascismo, ne sono parte integrante. Il sentimento di paura generato dai governi e che alimenta la diffusione di un microfascismo antropologico è lo stesso mega-meccanismo utilizzato per la gestione dell’emergenza pandemica. In questo senso la pandemia e la paura da essa generata è diventata un eccezionale dispositivo di controllo.
Il governo della paura ha pressochè annichilito i conflitti di classe, che già avevano difficoltà a manifestarsi pre-pandemia, spostando ulteriormente l’attenzione ed il dibattito pubblico sulla gestione dell’emergenza.

Nella gestione di questa emergenza le scelte politiche si giustificano in nome della scienza, le regole igienico-sanitarie si confondono con quelle dell’ordine pubblico e i cittadini sono trattati come pazienti. Ma la scienza, in questo modo, perde il suo carattere apparentemente neutrale e viene invocata come tecnica per svolgere una precisa funzione governamentale.
In questo scenario caotico la democrazia si qualifica come “democrazia sanitaria”, in cui la tutela della salute viene gestita come problema di ordine pubblico. Si restringe sempre più il campo dei diritti e delle libertà individuali e l’emergenza sanitaria viene gestita nell’ottica dei processi di ristrutturazione e trasformazione di cui il sistema necessita per capitalizzare l’ennesima crisi.
Il virus esiste ed è pericoloso, ne siamo consapevoli. Invece in molti cavalcano strumentalmente il malcontento della classe media impoverita, alimentando e fomentando un caotico universo negazionista, antivaccinista e complottista.

Un’internazionale nera, composta delle varie formazioni neofasciste europee e nordamericane, ha investito economicamente e politicamente su scala globale nell’intrigo complottista, strumentalizzando e contribuendo a far deflagrare un fenomeno già diffuso prima della pandemia. Una strategia volta a nutrire il sospetto e ad alimentare la diffidenza, a diffondere false credenze e assolute negazioni, per rispondere ad un bisogno diffuso di disvelamento di verità in un contesto sempre più incerto, confuso e perciò destabilizzante.
Una ricca occasione per salire alla ribalta, costruita a regola d’arte, dal contorno vagamente antisistemico e ribellistico. Così le organizzazioni sovraniste hanno costruito la loro egemonia nelle piazze a livello globale, di cui hanno costituito la testa e l’ordine del discorso, definendone tempi, modi e luoghi. L’opzione sovranista appare così sempre più legata alla galassia complottista, una trama che diviene ormai ineludibile per tutte le realtà antifasciste che vogliono rimanere ancorate alla realtà del presente.

Dall’analisi di questa fase storica osserviamo che la progressiva e apparentemente inarrestabile frammentazione della società ci vede contrapposti gli uni agli altri senza margine di cooperazione. Questo è più evidente nelle periferie dei grandi aggregati urbani e nelle loro province, dove le relazioni tra persone, sopraffatte da ritmi di lavoro inumani e da una esistenza meramente volta alla sopravvivenza, sono attraversate da conflitti, anche violenti, ma mai verticalizzati verso i veri responsabili. Viene a disgregarsi così quella dimensione di socialità e di comunità, già travolta dalla globalizzazione.
Tale frammentazione si riflette poi anche nella vita politica istituzionale: nei parlamenti, non solo in quello italiano, non esiste più una maggioranza definibile. Lo spettro discorsivo politico è ormai talmente ampio e confusamente variegato che istanze, parole e attitudini di destra e di sinistra si sfumano fino a confondersi.

In questo magma di sfiducia verso le istituzioni, che perdono in autorevolezza ma non in autorità, in un panorama in cui destra e sinistra hanno molto in comune e poco a differenziarle, nella frammentazione e l’atomizzazione sociale e lavorativa, l’unico collante sociale che resta, paradossalmente, è proprio la paura. Certamente noi non possiamo fondare su di essa il nostro agire politico, ma vediamo nel riconoscerla il primo passo per rompere l’ apatia del presente, per passare poi a combatterla in ognuno ed ognuna di noi, per riscoprire il coraggio di lottare per noi stessi e con gli altri. Un’ ipotesi percorribile potrebbe partire da questo dato di frammentazione della società combinandolo con i nostri discorsi e le nostre pratiche politiche.

Se infatti da un lato le piccole comunità territoriali sono sintomo della lacerazione di un tessuto sociale vittima della rapacità del capitalismo, dall’altro esse sono spesso foriere di un modus vivendi altro, autonomo, basato sulla solidarietà e il mutuo aiuto dal basso. Sebbene questa opzione politica fatichi a delinearsi ed affermarsi come espressione di assoluta e totale autonomia, crediamo che il modo per trasformare la guerra civile latente orizzontale, tra classi subalterne, in una forma di conflitto verticale, verso le classi dominanti, sia organizzare i territori e i loro abitanti in comunità autonome, solidali, resistenti e perciò antifasciste.

Il complesso organizzativo dell’universo mutualistico e le soggettività che lo stanno attraversando, dalle Brigate Popolari per l’emergenza ai Gruppi di Appoggio Mutuo, passando per le più diversificate esperienze territoriali, manifestano e, al tempo stesso, realizzano un bisogno generale di appartenenza a una comunità. Integrarsi in un’entità corale, identificandosi così in un “noi”, in cui ogni “io” possa inscriversi senza perdere la propria singolarità, sfruttando le proprie peculiarità come contributo alla collettività.
La cura verso gli altri e le altre è diventata pratica resistente contro lo sfruttamento e la discriminazione dello stato capitalista e neoliberista. Le comunità resistenti sono quindi un baluardo etico, politico e territoriale contro l’avanzare del mostro neoliberista; le cure particolari che confederate possono attaccare e sconfiggere il peggior virus della modernità: il capitalismo.

Nel solco di questi ragionamenti vogliamo continuare a dibattere, a confrontarci e costruire un discorso comune, che affini le risposte ai numerosi interrogativi che come compagni e compagne ci attanagliano quotidianamente. Solo lo sviluppo di un piano discorsivo e di una conseguente azione può portarci a edificare contropotere nei territori, a creare realtà alternative alla bruttura dell’odierno status quo.

La bussola per orientarsi oggi può essere la costruzione di comunità territoriali antifasciste, antirazziste, antisessiste, ecologiche; ma questa evoluzione deve, per forza di cose, passare per un’elaborazione corale e armonica, pena l’autoisolamento.

Per questo vogliamo creare momenti ad hoc di analisi e discussione, nei quali affrontare sinceramente i nostri limiti, dai quali ripartire per provare coralmente a plasmare una nuova realtà, tutti e tutte insieme.

Per continuare a camminare in sinergia, ognuno nei propri territori, con le proprie specificità, ma dandoci forza reciprocamente.

Vi aspettiamo a Milano il 12 -13 Marzo

evento fb:
👉🏾 https://fb.me/e/1S5vVTcNI

https://www.facebook.com/Auroraccblog

https://t.me/aurorablog

🔴⚫️12 Dicembre 2021 – Milano sud Antifascista 🔴⚫️

Pre – concentramento verso piazza Fontana:
Come di consueto la comunità di Milano sud si muove assieme in corteo verso piazza Fontana.
https://fb.me/e/1W2KZp7qF?ti=icl

👉🏾Ci vediamo il 12 dicembre in piazzale Abbiategrasso alle 16 👈🏾

👉🏾Dalle 17.30 ci vediamo qui:
https://www.facebook.com/events/634559270911947

👉🏾Il 15 dicembre ci vediamo qui:
https://www.facebook.com/events/269476178490158

Domenica 12 dicembre cade il 52° anniversario della strage di Stato per mano fascista, alla Banca Nazionale dell’Agricoltura in Piazza Fontana. Associazioni, realtà di movimento, collettivi studenteschi, organizzazioni politiche e sindacali, saranno in piazza per un corteo che attraverserà la città.

Con questo appello invitiamo tutte e tutti al corteo che partirà da Piazza Fontana alle ore 17,30


Milano non dimentica Piazza Fontana, Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo

La strage del 12 dicembre 1969 a Milano alla Banca Nazionale dell’Agricoltura, ha significato per il Paese uno dei momenti più drammatici della storia d’Italia. Non solo per le 17 vittime innocenti uccise dalla bomba, l’assassinio di Giuseppe Pinelli nei locali della questura di Milano e l’incarcerazione per anni dell’innocente Pietro Valpreda.
Piazza Fontana è stata anche il tentativo dello Stato di gettare il Paese in mano ai militari e ai fascisti portandolo a una deriva autoritaria, incapace di rispondere alle richieste di una società che chiedeva diritti e tutele.Di recente abbiamo sentito politici eredi della storia dell’estrema destra eversiva, che fu protagonista della vera strategia delle bombe e del terrore, usurpare e stravolgere il concetto di “Strategia della tensione” per mistificare la storia nel tentativo di offuscare e cancellare la memoria.
Alla stessa strategia di confusione risponde il tentativo di invocare la similitudine tra le misure di protezione sanitaria e le leggi razziali emanate tra il 1938 e il 1939.Nel frattempo il Governo Draghi (in profonda sintonia con Confindustria) ha portato avanti politiche neo liberiste assolutamente inadeguate nel gestire le crisi economico sanitarie in relazione alla pandemia. La scellerata gestione dei fondi PNRR per superare la fase attuale sarà il futuro indebitamento delle nuove generazioni, in compenso saranno utilizzati per l’industria degli armamenti, piuttosto che per il Welfare e la transizione ecologicaIl “feticcio del green pass è utilizzato (sia dal governo, sia in alcune piazze) come elemento di “distrazione di massa” per coprire le spalle ad un attacco generalizzato ai diritti e alle condizioni di vita e di lavoro: i licenziamenti all’ordine del giorno, gli attacchi ai salari e alle pensioni, la precarietà al limite della schiavitù, lo smantellamento della scuola e della sanità, tra le prime vittime della ri-organizzazione post-pandemia.L’Europa è sempre più una fortezza di fronte al mondo che, già colonizzato, sfruttato, utilizzato come campo di battaglie di guerre per procura bussa alla porta per chiedere di entrare, o anche solo per chiedere accesso ai vaccini senza dover pagare la tassa al profitto, tramite i brevetti. In Libia migliaia di persone sono accampate di fronte alla sede dell’UNHCR e in Bielorussia le autorità europee si mostrano disponibili a costruire un muro(!) pur di bloccarne altre migliaia.Nel 1969 proprio a fronte di un forte movimento operaio e studentesco, lo Stato ha scelto strategicamente la strada della repressione e la minaccia della svolta autoritaria, inaugurando ufficialmente l’unica vera strategia della tensione. Le condizioni non sono le stesse, ma la questione sociale, la battaglia per la giustizia, la libertà dalla violenza fascista continuano ad essere i terreni di cui ci parla la memoria di Piazza Fontana. Ora più che mai, la pandemia ha amplificato il divario povertà – ricchezza e le ingiustizie globali, pensieri e azioni reazionarie si diffondono dentro questa interminabile crisi, sottraendo spazio alle lotte per un mondo migliore.

Adesioni:
Licia Silvia Claudia Pinelli
Memoria Antifascista
ANPI ATM Milano
Cantiere Milano
Collettivo ZAM
Collettivo Kasciavìt
Csoa Lambretta
Partito della Rifondazione Comunista
Partito Comunista dei Lavoratori
Sinistra Italiana
Centro Culturale Concetto Marchesi
Associazione Familiari e Amici di Fausto e Jaio
Associazione Amicizia Italia – Cuba circolo di Milano
Redazione Lotta Continua
Coordinamento Studentesco Azadî
Rete della Conoscenza Milano
Link-coordinamento universitario Milano
Unione degli studenti Milano e della Lombardia
ADL Cobas
Camera del Non Lavoro
Spazio di Mutuo Soccorso
Coordinamento dei Collettivi Studenteschi
ANPI Audrey Hepburn
ANPI Stadera
RAM Restauro Arte Memoria
Brigata Lena-Modotti
Studenti Tsunami
Associazione di Mutuo Soccorso Milano
I Sentinelli di Milano
Centro Politico Culturale Cumpanis Milano
Associazione Laicitalia
Democrazia Atea
Slai Cobas Provinciale Milano
APS El Pueblo
SGB Lombardia
Fuori Mercato, autogestione in movimento
Sial Cobas
Brianza Antifascista
Mediterranea Saving Humans – Milano
Naga ODV
Lato B – L’altro lato di Milano
Coro Resistente
Possibile Milano
Partigiani in Ogni Quartiere
Fronte della Gioventù Comunista – FGC