Sindemia, cura, comunità

Le società precapitaliste tendevano a promuovere la fiducia nelle virtù della cooperazione e dell’accudimento, dando così un senso etico alla vita associata; la società moderna promuove invece la fiducia nelle virtù della competizione e dell’egoismo, e così facendo priva il consesso umano di qualsiasi senso (se non, forse, quello di essere uno strumento di accumulazione e consumo insensati).
M. Bookchin


Questa riflessione nasce dalla volontà di condividere i ragionamenti, le prassi e le modalità che abbiamo sperimentato durante questa sindemia e porci nuove domande e obiettivi. Parliamo di sindemia consapevoli del fatto che la pandemia non è uguale per tuttə, ma cambia in base a classe sociale, genere, paese di provenienza e luogo di residenza. Abbiamo analizzato alcuni dei fattori ed eventi che hanno influenzato profondamente le nostre esistenze, consciə di averne tralasciati tanti altri. Ogni storia non è mai neutra e, ripercorrendo i passi che abbiamo compiuto in questo lungo periodo, siamo arrivatə alla consapevolezza che la “cura” e il “prendersi cura” deve essere al centro di ogni lotta che pretenda una reale giustizia sociale. 

CAPITALISMO E SOLITUDINE COMUNE
La sindemia da Covid 19 rappresenta una delle conseguenze più spietate del capitalismo neoliberista: milioni di morti in tutto il mondo causati direttamente dalla mercificazione e privatizzazione della sanità. La possibilità e l’impossibilità di accesso alle cure sanitarie, infatti, hanno acuito le discriminazioni già esistenti tra ricchə e poverə, all’interno di una cornice caratterizzata da crisi economiche cicliche con alti tassi di disoccupazione, catastrofi ambientali già in atto, guerre imperialiste e una continua violazione dei diritti umani.  

La “cura”, o meglio l’incuria, neoliberista ci ha trasformato da potenziali cittadinə con diritti (in teoria) universali a clientə che comprano sul mercato. Ci hanno convintə che la libertà di scelta tra merci e servizi, all’interno di una ideologia individualista, sia una reale condizione di libertà e di benessere.
Progressivamente è stato sostituito il Welfare con il Wellness.

Le privatizzazioni e la crisi dello stato sociale hanno portato all’accentuarsi della credenza che ai bisogni individuali si debba dare una risposta individuale, mai collettiva, alimentando uno degli assi centrali del capitalismo: l’individualizzazione dei corsi di vita, la convinzione che si possa ottenere tutto quello che desideri se lavori e ti impegni, in una costante rivalità e competizione con l’altrə. Se non ci riesci, la colpa sarà solo tua, mai del sistema. Questa biografia “del self made man” è una biografia a rischio che fa coincidere l’assunzione di autonomia da parte dei soggetti singoli a una condizione di solitudine comune, anche in momenti di forte fragilità. Questa è la conseguenza di una mancanza di solidi e solidali modelli collettivi ai quali fare riferimento per progettare e valutare il proprio percorso di vita e la costruzione di beni comuni. 

La verità è che il neoliberismo ci uccide ma ci lascia l’illusione che a morire siano solo i/le deboli, coloro che per pigrizia o incapacità sempre individuale, non hanno saputo sopravvivere.

SALUTE E SANITA’
Il 20 giugno 2020 abbiamo deciso di scendere in piazza, dopo mesi di lockdown e di distanziamento fisico e sociale, con la volontà di portare avanti un processo popolare che andasse ad evidenziare le responsabilità politiche della Regione Lombardia nella gestione dell’emergenza sanitaria e sociale. Responsabilità collegate a un’idea di sanità e di gestione delle risorse pubbliche basate sul modello neoliberista. Dopo mesi di paura e disorientamento che avevano portato a una ricerca esasperata del caprio espiatorio di turno (l’untorə, il/la runner, l’immigratə, chi porta fuori il cane), ci siamo presentatə sotto la sede della giunta di Attilio Fontana, insieme alle realtà di mutuo soccorso che sono intervenute fin dai primissimi giorni di chiusure, per esprimere la rabbia nei confronti del disastro lombardo, quella serie di eventi che nella prima ondata han portato la  regione Lombardia ad essere il territorio con più morti in tutto il mondo per densità di popolazione.

La determinazione a denunciare le scelte consapevoli e scellerate della Regione e i 25 anni di tagli alla sanità pubblica sono stati il motore principale di quella giornata, unito alla volontà di cacciare gli esponenti politici e pretendere un’altro tipo di sanità e di cura. L’evidente impreparazione e le scelte politichedi privatizzazione portate avanti da Formigoni, Maroni e Fontana ci hanno mostrato nella maniera più violenta che cosa significa dimezzare le risorse della sanità pubblica e ci hanno fatto provare sulla nostra pelle e quella dei nostri cari cosa comporta non avere una medicina territoriale radicata e di prossimità e una politica sanitaria volta alla prevenzione primaria -cioè ad ostacolare l’insorgenza delle malattie nella popolazione sana, combattendo le cause e i fattori predisponenti; un’attività sanitaria che non produce profitto, a differenza di interventi chiurgici, esami diagnostici e ospedalizzazione -. 

Il 20 giugno 2021, esattamente un anno dopo, abbiamo provato a raccogliere quello che avevamo faticosamente seminato durante l’anno, attraverso processi di costruzione di comunità della cura, di mutuo soccorso e di sinergia con i comitati e le varie vertenze nel mondo della sanità, con la consapevolezza che il momento era totalmente cambiato, rispetto all’anno prima. 
Dal disastro lombardo con le immagini indelebili dei carri militari che trasportavano le bare e i racconti strazianti dei parenti dei deceduti, siamo passati all’efficenza del piano vaccinale con una sostituzione strategica all’interno della giunta regionale di Giulio Gallera e l’entrata di Letizia Moratti, con la collaborazione immancabile di Bertolaso.
Questo secondo appuntamento, simbolicamente chiamato lo stesso giorno dell’anno prima, ci ha dato la triste conferma di quanto la “normalizzazione” di questa pandemia abbia compromesso la partecipazione in piazza e annebbiato la consapevolezza individuale e collettiva di cosa dobbiamo pretendere che cambi per uscirne realmente migliori. Le lotte e le varie vertenze sindacali che denunciano lo stato disastroso del nostro sistema sanitario vanno ormai avanti da più di 20 anni ma non riescono a trovare un movimento di massa che le supporti e una rete coesa che le fortifichi, probabilmente però questa è la storia di quasi tutto il Movimento.

ASSUEFAZIONE E RIMOZIONE
In un anno si è manifestata una sorta di rimozione di massa del trauma, assieme a un esasperato bisogno di un ritorno alla normalità.
La stessa normalità che ha portato a una crisi sanitaria, ecologica, economica e sociale mondiale. 
L’assuefazione alla morte, ai disastri, alle tragedie e la ridondante nozione di resilienza ci portano a sentirci lontani dalla sofferenza altrui. “[…] Quello che sembra venire meno, più o meno consapevolmente, è l’empatia, il sentimento che si accompagna al dolore della perdita, anche di chi non conosciamo, insomma la compassione nel suo senso più profondo, come partecipazione alla sofferenza dell’altro” scrive Lea Melandri, scrittrice e attivista femminista. 
Sembra davvero che la morte e la paura della morte ci abbiano inizialmente coltə impreparatə, perchè nella società capitalista e neoliberista la morte stessa è il più grande rimosso: non produce profitti, non è instagrammabile, ed il tempo necessario ai cari della persona scomparsa per elaborare il lutto è un tempo solitario, senza consumi. Cosa compri se tua madre muore? Quale piatto carino ordini e fotografi per non piangere da solə?

La morte è stata  relegata a qualcosa al di fuori della nostra storia, fuori dai margini della società. Qualcosa di lontano, inevitabile, ripetitivo, quasi noioso. Chi doveva morire è morto, chi è vivo deve continuare a vivere, produrre, consumare.  Il tempo del lutto ci è stato tolto.
Ma all’interno di questo processo di rimozione, che ruolo ha la memoria e la pratica politica di ricordare collettivamente, di continuare a denunciare quello che è successo? La memoria è un muscolo che come tale deve essere allenato e mai dato per scontato, proprio per evitare che situazioni tanto drammatiche si ripetano.

SINDEMIA E PRIVILEGIO
Sicuramente questa rimozione non riguarda solo le persone comuni e il loro bisogno di tornare alla routine quotidiana, ma è una rimozione politica con uno scopo preciso, quello di tutelare il sistema stesso che ha prodotto questa pandemia: il capitalismo. I salti di specie da animale a uomo (spillover), che hanno generato la pandemia di Covid-19, sono l’effetto di una sistema che sfrutta, inquina, devasta il nostro pianeta, e mercifica le altre specie viventi. Le deforestazioni, gli allevamenti intensivi, l’agrobusiness, il consumismo, i disastri ecologici che stanno colpendo i mari, la terra e l’aria sono il volto predatorio del capitaliamo. Sono il frutto di una visione antropocentrica e gerarchica, in cui l’uomo ricerca il dominio sulla natura, così come il dominio sull’altro essere umano.

I tentativi degli Stati nazionali di mitigare i danni climatici in atto, sono inefficaci e volutamente tardivi, visto i decenni di denunce da parte di scienziatə e attivistə che avevano già largamente predetto i cambiamenti climatici, l’aumento di epidemie, e l’estinzione di massa causata dall’attività dell’uomo. Tutto questo si aggiunge alla mancanza di servizi socio-sanitari accessibili a tuttə, la mancanza di prevenzione e istruzione scientifica (secondo la logica paternalista dello Stato) e la conseguente difficoltà ad accedere a cure necessarie e tempestive, per combattere un virus insidioso e spesso letale, non solo per persone con più patologie e molto anziane. 

Gino Strada, fondatore di Emergency, la cui morte ha lasciato una enorme perdita per tuttə noi, un anno fa diceva che: “La pandemia ha messo in evidenza l’estrema fragilità del nostro sistema sanitario. Siamo stati travolti, come la quasi totalità degli altri Paesi, da un’emergenza incontestabile. Molte delle nostre difficoltà si devono a questo, ma non possiamo ignorare che si tratta perlopiù di problemi strutturali, non emergenziali.

Più le origini del virus continueranno ad essere rimosse, così come le implicazioni politiche e le responsabilità della gestione della cosa pubblica e delle risorse collettive, più il rischio di nuove epidemie e pandemie aumenterà, e ci saranno nuove discriminazioni e altre ingiustizie.

La vaccinazione di massa tanto proclamata, è solo un miraggio: il G20 della Salute, svoltosi a Roma il 5 e il 6 settembre 2021, non mira a eliminare il brevetto sui vaccini, ma si è impegnato a donare il 5% delle dosi prodotte solo a quelle popolazioni diStati che soddisfano i requisiti Amc (Advanced Market Commitment). Ancora una volta, il perno delle scelte è la capacità di produrre profitto e il mantenimento dello status quo di privilegio coloniale: nel continente africano, i vaccinati sono l’1,96%. 
Non stupisce quindi notare che, data l’origine di questo disastro nel capitalismo, non possiamo trovarne la soluzione nel capitalismo stesso. Sulla salute non ci deve essere nessun profitto. La salute è un diritto, non un privilegio, non può essere una merce.

Sarebbe troppo lungo elencare tutte le conseguenze prodotte da questa sindemia, perchè sarebbe una narrazione parziale e inficiata dalla nostra storia  – che è sempre una questione di geografia -, ma ci teniamo a dare qualche macroscopica idea:

  • aumento femminicidi e violenze di genere durante le chiusure/diritto negato all’Ivg / difficoltà ad accedere alle cure ormonali per le persone in transizione;
  • aumento di depressione, malattia mentale ;
  • persone con disabilità abbandonate a causa della chiusura di vari servizi;
  • impossibilità di prenotare per tempo visite non riguardanti il covid, con un conseguente aggravarsi delle patologie;
  • nessuna tutela economica per tutto il lavoro sommerso, aumento della povertà con conseguente disagio sociale; sovraccarico del lavoro di cura per le donne;
  • la Didattica a Distanza (DAD), poi diventata magicamente nella seconda ondata, quando non si era fatto nulla per mettere in sicurezza le scuole, Didattica Digitale Integrata (DDI),che non è stata uguale per tuttə ed ha ridotto ulteriormente il rapporto umano, la socialità e il diritto allo studio.

IL DISASTRO LOMBARDO…
Il disastro lombardo inizia a fine febbraio 2020: nelle stesse ore in cui si scopriva il “caso zero” a Codogno, i vertici di regione Lombardia decretavano la chiusura immediata di scuole, musei, teatri, cinema e luoghi di cultura, impedivano manifestazioni e cortei ma lasciavano aperti i centri commerciali. Erano le settimane di tristemente noti #milanononsiferma e #bergamononsiferma, della Settimana della Moda mai sospesa e della partita Atalanta-Valencia che ormai sappiamo essersi trasformata in un vero e proprio focolaio che porterà al diffondersi del contagio nella bergamasca e ad una vera e propria epidemia colposa che manterrà la Lombardia sotto i riflettori per mesi per le percentuali dei contagi, dei morti e per i troppi errori da parte delle amministrazioni politiche.

La mancata dichiarazione di zona rossa in Val Seriana e ad Alzano Lombardo, la mancata chiusura delle fabbriche e i luoghi di lavoro con l’escamotage del codice ATECO, l’ordinanza dell’8 marzo 2020 che andava a individuare le RSA come luoghi idonei ad accogliere i pazienti COVID post acuti per cure extra ospedaliere, il mancato aggiornamento del piano pandemico (anche a livello nazionale), le responsabilità di ministri e OMS,la mancanza di DPI, di posti letto, macchinari e personale sono solo alcune delle cause contingenti che hanno portato a migliaia di decessi e ad un sovraccarico insostenibile per gli ospedali e le operatrici e gli operatori sanitari. Infatti già a metà marzo 2020 gli ospedali sono al collasso e i medici costretti a scegliere chi curare e chi lasciar morire.  

Questi sono gli effetti della politica dei tagli alla sanità pubblica, dell’ aziendalizzazione della cura e della conseguente privatizzazione del settore sanitario (tre pilastri su cui si basa l’eccellenza lombarda da oltre 25 anni, grazie a Formigoni, Maroni e Fontana) e che ha trasformato gli ospedali in imprese (aziende sanitarie e aziende ospedaliere) che, come tali,hanno come obiettivo il profitto, non la cura. Privando di fatto la cittadinanza di una sanità pubblica, laica, territoriale, preventiva e garantita. Di un diritto universale.

Dopo la lunga estate del 2020, dove le amministrazioni politiche avevano la possibilità di aggiustare il tiro e riorganizzare parte delle procedure sanitarie e preventive, la situazione rimane immutata e le contraddizioni aumentano: mancano ancora le famose USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale), viene inserito il coprifuoco serale, medicə e infermierə se contagiati devono fare la quarantena ma solo dopo l’orario lavorativo, vengono dichiarate nuove zone rosse che limitano la socialità ma che permettono di andare a lavorare. 
Mentre viene denunciato dai sindacati di base la mancanza di infermierə, di personale specializzato per le terapie intensive e di attrezzature, il sistema di tracciamento salta e ATS va in tilt. Negli ospedali il personale continua ad essere costretto a decidere chi curare e chi lasciar morire. 
A novembre si aggiunge anche il caos per i vaccini anti influenzali, Regione Lombardia non riesce a garantirli nemmeno ai cittadini più fragili, ormai esasperati, così come lo sono i medici. In molti sono costretti a pagarli di tasca propria rivolgendosi ai privati perchè le dosi sono insufficienti. Dopo il Vax Day del 27 dicembre, la “Fase 1” del piano vaccinale contro il Coronavirus parte a rilento. In particolare la Lombardia, dopo una settimana, rimane l’ultima regione per somministrazioni, avendo effettuato solo il 3% dei primi 80mila vaccini a disposizione. Arriva allora la sfiducia a Giulio Gallera e la nomina di Letizia Moratti che mette subito in chiaro la sua posizione dichiarando che i vaccini dovrebbero essere distribuiti alle regioni in base al loro PIL. 

La campagna vaccinale, nonostante il cambio di assessore, continua ad andare male e la colpa adesso è di ARIA Spa: sms inviati in ritardo, anziani chiamati a vaccinarsi a centinaia di chilometri dalla propria residenza e dal centro vaccinale più vicino, errori nelle convocazioni che portano o a sovraffollare i centri vaccinali o ad averli vuoti col rischio di buttare migliaia di dosi di vaccino, lasciando alle singole Asst o ai sindaci il compito di arrangiarsi per risolvere i problemi: così accade a Cremona, Crema, Monza, Bergamo, Varese, Milano, Como etc.

A quel punto Fontana chiede le dimissioni del CdA di ARIA in una conferenza stampa.
Per mettere a tacere ogni polemica, la Regione Lombardia torna sui suoi passi, abbandona il sistema di Aria e passa al portale gratuito di Poste dal 2 aprile 2021. Dopo circa 2 mesi di ritardi, in cui i morti continuano ad aumentare. Dopo aver speso 18 mln di €, soldi pubblici, pagati da quegli stessi cittadini che non riceveranno il vaccino fino al ritorno di Poste e all’arrivo del generale Figliuolo a gestire le vaccinazioni in Italia.

Questa la triste cronistoria del disatro lombardo.
Fontana, Gallera, la giunta regionale in carica nel gennaio 2020 ed ancora oggi sono i diretti responsabili della morte di migliaia di persone. Di questo siamo sicurə e non smetteremo mai di dirlo.

Per un approfondimento più dettagliato vi consigliamo http://www.zam-milano.it/le-date-di-una-strage/ e http://www.zam-milano.it/processo-popolare-pt-2/.

…E IL MERCATO LOMBARDO
La trasformazione della sanità lombarda in un mercato è già avvenuta. Nonostante la pandemia abbia dimostrato i limiti del sistema lombardo, a maggio 2021 la giunta regionale ha approvato un piano grazie a cui il finanziamento per ricoveri e visite ambulatoriali in strutture private aumenta fino a 7,5 miliardi (nel 2019 era di 2). Di questi, circa 3 miliardi sono per servizi socio-assistenziali sul territorio (privati più costosi di almeno il 20% rispetto al pubblico). 
Con l’arrivo dei soldi del PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza) si prevedono ulteriori vantaggi economici per le imprese che fanno profitto sulla salute. In teoria, le aziende sanitarie pubbliche sono le uniche possibili destinatarie dei fondi che il PNRR mette a disposizione per ristrutturazione, nuova edificazione e dotazioni strumentali e tecnologiche. Ma in pratica, come è scritto nella delibera regionale del 6/9/21 con cui la giunta fa approvazione delle linee di progetto per l’attuazione di Case e Ospedali di Comunità, si dichiara apertamente che questa indicazione verrà aggirata. La loro volontà è quella di realizzare strutture che svolgano le medesime funzioni previste dalle Case/Ospedali di comunità, ma gestite da erogatori privati accreditati e di attivare forme di collaborazione fra soggetti pubblici e privati nella conduzione di tali strutture. Ad oggi, il rischio è che su 30 Case di Comunità, 20 siano affidate ai privati accreditati. 

Quelle che il governo di centro-destra chiama “diverse forme di collaborazione” con il privato sono prospettate fin da ora come “sperimentazioni gestionali autorizzate dalla Giunta”, grazie alla legge regionale 23/2015 (Maroni), che ha dato il colpo di grazia alla medicina territoriale sgretolando la capillarità dei servizi in funzione del modello ospedalo-centrico. Ora il centro-destra è costretto ad istituire queste “Case di comunità” ma non sarà facile ripristinare una rete territoriale dopo decenni di disintegrazione, perchè non si tratta solo di costruire edifici, ma anche relazioni, competenze, processi, simbologie. 
Mentre la parola “comunità” sembra diventare mainistream, vogliamo ribadire quello che per noi è il suo significato rivoluzionario. 

CURA E COMUNITA’
La narrazione di ciò che è accaduto e il presente che viviamo, fatto di un nuovo mondo nel quale dobbiamo convivere con la pandemia, ci spinge verso una riflessione che portiamo avanti da diverso tempo e che riteniamo sia uno degli strumenti necessari per costruire una nuova comunità in grado di prendersi cura delle persone e della società.
L’individuo, nel contesto comunitario, è il punto di partenza di questa ampia riflessione legata alle pratiche possibili per costruire tre paradigmi interconnessi.

1. Comunità della cura.
La cura di noi stessə in relazione alle comunità che abitiamo è il primo passo per costruire gli strumenti necessari allo sviluppo di un’identità solidale che scardini il concetto di cura neoliberista, legato esclusivamente alla sfera individuale e alle possibilità economiche. Dobbiamo smantellare sia l’atomizzazione del soggetto nella vita, nel lavoro e in tutti gli altri aspetti della società, sia la mistificazione del concetto di cura come azione che pesa esclusivamente sul singolo. Dobbiamo costruire una nuova coscienza collettiva, che parta dal prendersi cura di noi stessə, basandosi sulla consapevolezza che abbiamo tuttə bisogno di ricevere cura dalla propria comunità

2. La comunità che cura
La comunità che cura è quella dove un welfare nuovo, non coercitivo, non assistenziale (e dunque che non crea dipendenza ma interdipendenza, complementarietà), non colpevolizzante o giudicante, è accessibile a tuttə; è quella comunità dove non ci sono discriminazioni di sesso, razza, classe, specie e si inverte il concetto di atomizzazione del soggetto per proiettarsi in un contesto di cura collettiva, di decisionalità capillare e di nuova forma della gestione delle cose e degli spazi comuni. Una comunità che cura è capace di occuparsi collettivamente delle complessità che risiedono nella gestione di una società ecologista, transfemminista, anticapitalista, antirazzista, antiabilista e solidale.
La trasformazione in comunità che cura del micro-contesto in cui viviamo e la replicabilità degli strumenti messi a disposizione, ci traghettano verso la soluzione necessaria alle barbarie del capitalismo e le sue conseguenze più drammatiche, come la sindemia che si è abbattuta sull’intera popolazione mondiale. Il contesto che abitiamo, affettivamente, emotivamente, politicamente diventa lo strumento con cui la comunità si interfaccia con le altre comunità (federazione) e con le quali si costruisce un tessuto sufficientemente ampio per incidere realmente sui cambiamenti radicali necessari.

3. La società della cura
In questa proiezione necessaria, tutti gli aspetti legati alla ri-territorializzazione della cura, trasformano il macro contesto sociale nella società della cura. Questa concezione dello spazio, privato e pubblico, assume una forma onnicomprensiva rispetto a tutti gli aspetti della società. Il lavoro, la cura di sè, l’autorganizzazione degli spazi di vita, del tempo libero, della sanità e del welfare (solo alcuni aspetti che determinano la nostra vita) devono essere trasformati con la massima urgenza.
Il perenne stato di emergenza legato all’ambiente, alla sanità, alle risorse e alle disuguaglianze richiede a gran forza un cambiamento strutturale e solo partendo dai contesti comunitari si può imporre questa trasformazione. La responsabilità individuale ha la sua importanza, ma non siamo più disposti ad assumerci le colpe di altri macro soggetti che impongono questo modello di società capitalista.
In questo contesto la nostra unica responsabilità è quella di opporci a questa matrice predatoria e antropocentrica mettendo in pratica la materialità della società della cura e imponendo al sistema la radicalità di questi cambiamenti.

MATERIALITA’ POSSIBILI
Con questo scritto vogliamo dichiarare il processo di avanzamento che da lungo tempo portiamo avanti in relazione alla costruzione di comunità resistenti.
Ci interessa capire come poter dare materialità ad alcune specifiche legate in particolare all’aspetto sanitario e a tutte le sue declinazioni. Se è vero che la salute non è solo assenza di malattia, dobbiamo domandarci quali sono gli elementi imprescindibili che costituiscono uno stato di benessere per tuttə.
Legandoci al concetto di cura, riteniamo valida l’ipotesi di organizzare i territori in relazione alle reali necessità dei luoghi in cui viviamo, autonomamente e partendo dall’autogoverno delle risorse.
La costante decostruzione della sanità di prossimità sta favorendo la centralità dell’ospedale come unico luogo di cura, il compito delle comunità è quello di invertire il flusso e immaginare i luoghi di cura all’interno dei territori. Così come trovare una materiale sinergia con le svariate realtà che si occupano di mutualismo e salute con le quali mettere in comune saperi e risorse per poter dare un riscontro tangibile al bisogno più grande, costruire la società della cura.

Una materialità possibile è quella, quindi, di creare luoghi e percorsi virtuosi che vadano a creare quel conflitto necessario a denunciare lo stato di non curanza del SSN e di progettazione di alternativa all’esistente, andando oltre il semplice assistenzialismo e volontariato verso un reale sistema mutualistico.

comunitàresistenti, covid19, cura, mutualismo, sindemia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *